Legge 104/92 investigazioni e controlli, pedinamenti

legge 104/92-investigazioni e controlli-Agenzia INvestigativa Milano Phersei srl

Investigazioni, controlli e pedinamenti di verifica per la fruizione dei permessi per la Legge 104/92 concessi ai lavoratori dipendenti.

L' agenzia investigativa Phersei srl è specializzata in investigazioni aziendali e industriali a tutela delle piccole medie e grandi imprese effettuando servizi investigativi professionali garantiti per verificare se i dipendenti che beneficiano dei permessi per la legge 104/92 effettivamente utilizzino tali permessi per assistere la persona abbisognevole di assistenza oppure sfruttino fraudolentemente il beneficio per curare propri interessi personali, svolgere attività lavorative extra ''in nero'' oppure per loro svago personale.

Il nostro obiettivo

Attraverso pedinamenti e controlli verifichiamo e documentiamo se il lavoratore dipendente sfrutta indebitamente i permessi concessi dall'azienda per la legge 104/92 al fine di svolgere altre attività lavorative extra professionali o se si dedica ad attività ed interessi personali anzichè occuparsi dell'assistenza della persona che necessita di assistenza in quanto non autosufficiente, inabile o disabile.

Come operiamo

Le nostre investigazioni sono svolte con massima professionalità ed efficacia e le risultanze hanno sempre valenza probatoria. I nostri standard operativi sono di assoluta eccellenza e perseguiamo sempre il massimo livello di soddisfazione del cliente; svolgiamo accurate investigazioni e pedinamenti nell'ambito della verifica della corretta e coerente fruizione dei permessi per la legge 104/92, assenteismo dipendenti in azienda, assenze dal lavoro ingiustificate, investigazioni indagini su assenze per malattia, investigazioni e controlli su dipendenti assenteisti, verifiche su doppio lavoro del dipendente, indagini su presunta falsa malattia, raccolta informazioni per licenziamento giusta causa e giustificato motivo oggettivo, pedinamenti e controlli, investigazioni di preassunzione, fuga di notizie riservate e strategiche, investigazioni e controspionaggio, protezione del know how aziendale e tutela della proprietà intellettuale, tutela marchi e brevetti, violazione patto di non concorrenza.

Le investigazioni che Phersei attua su tutto il territorio nazionale sono espletate con la massima discrezione, professionalità e riservatezza e gli investigatori privati di cui il nostro gruppo si avvale sono tutti provenienti dalle forze dell'ordine con particolare riferimento all'Arma dei Carabinieri, a garanzia sia di serietà professionale, sia di elevati standard qualitativi. 

Investigazioni e verifiche sulla fruizione dei permessi per la legge 104/92.

La legge consente di verificare se i comportamenti assunti dai lavoratori dipendenti della propria azienda, dal momento in cui fruiscono dei permessi assegnati per la legge numero 104/1992, non siano coerentemente fruiti. Qualora si rilevi tale scorrettezza da parte dei lavoratori dipendenti, gli stessi sono assoggettabili a provvedimento disciplinare che può concludersi anche con il licenziamento per giusta causa. A tale proposito si ritiene opportuno specificare quanto segue:

  1. La giurisprudenza relativa all'articolo 33 della legge 104 specifica che il lavoratore, in permesso per la legge 104/92, deve espletare un'attività assistenziale continuativa, e non saltuaria o occasionale, verso la persona portatrice di handicap che necessita di assistenza;
  2. Il legislatore inoltre ammette che la fruizione di tale beneficio debba essere mirato all'unico scopo di fornire un'assistenza continuativa all'individuo colpito dall'handicap, al fine che il lavoratore dipendente non abbia possibilità di mettere in atto un effettivo abuso di un diritto e inoltre prevede che, qualora il lavoratore chieda di fruire di tale permesso, sia tenuto a dimostrare che nell'ambito del nucleo familiare non vi siano gradi di parentela sino secondo grado con altri individui che hanno la possibilità di prendersi cura del familiare portatore di handicap.

Spesso non è possibile assegnare una interpretazione univoca di cosa si intenda realmente per assistenza continuativa. Facendo l'esempio di una persona a cui è stato concesso un permesso per la legge 104/92 di tre giorni, e detta persona nell'arco di tre giorni non presta mai assistenza alla persona portatrice dell'handicap, ma anzi si occupa prevalentemente di coltivare i propri interessi o, ancor più gravemente, svolge un'attività extraprofessionale, in considerazione che tale assistenza deve avere il presupposto della continuità e non saltuarietà, risulta evidente che il lavoratore abusa del diritto concesso e la diretta conseguenza consta nella possibilità da parte del datore di lavoro di intentare, con buon grado di approssimazione, di ottenere il risultato, un licenziamento per giusta causa.

Si ritiene opportuno specificare che il lavoratore dipendente che si rende responsabile dell'incoerente fruizione dei permessi per legge 104 dedicandosi anziché alla cura del portatore di handicap, ai propri interessi personali o magari a un doppio lavoro, oltre ad incorrere in sazioni disciplinari o vertenze lavorative di licenziamento, potrebbe anche incorrere nel reato di truffa che risulta penalmente perseguibile.

Le funzioni dell'agenzia investigativa Phersei nei casi sospetti.

l datore di lavoro qualora sospetti una non corretta e coerente fruizione dei permessi per la legge 104 da parte del lavoratore dipendente, ha il diritto dunque di effettuare pedinamenti, investigazioni, controlli e verifiche mediante l'agenzia investigativa che, su regolare mandato d'incarico, svolgerà ed accerterà tutti gli approfondimenti del caso.

L'agenzia Investigativa Phersei è autorizzata a svolgere qualsiasi tipo di indagine; possiamo pertanto effettuare controlli mirati al fine di verificare se il lavoratore, assente dal lavoro per la legge 104, svolge evvettivamente l'attività assistenziale prevista oppure se si dedica a un doppio lavoro o se si assenta per curare dei propri interessi personali che non hanno attinenza alcuna con l'oggetto del permesso concesso.

La nostra agenzia investigativa può inoltre verificare se non vi siano effettivamente ulteriori familiari che possono svologere l'attività assistenziale dei confronti del portatore di handicap tale da non rendere possibile altro intervento diverso da quello del lavoratore richiedente il permesso.

Anche la suprema corte di cassazione si è piu volte espressa in materia ed ha confermato che il datore di lavoro ha titolo, anche soltanto qualora vi sia un semplice dubbio, di commissionare ad una agenzia investigativa le indagini di verifica al fine di tutelare i propri interessi soprattutto qualora le violazioni del dipendente integrino violazioni anche di rilevanza penale.

Roivolgersi alla nostra agenzia investigativa significa fare una scelta orientata verso l'eccellenza.

Potete rivolgervi a Phersei Investigazioni per un preventivo gratuito o una consulenza compilando il form contatti a fianco ed inviandoci una mail oppure telefonando presso i nostri uffici e concordando un appuntamento presso i nostri uffici o presso la vostra sede.